Mamme e lavoro, una storia. #workingmom #StorMoms.

Come cambia il lavoro, dopo che diventi mamma?

– Mamma, mi racconti una storia?
– Che storia vuoi sentire oggi?
– Voglio quella di …. quella di …quella di… Paw Patrol!
Ogni volta che mi chiede una storia, vuole sempre quella dei Paw Patrol.
Io nemmeno li conosco questi Paw Patrol!
Ho delegato questo tipo di attività al papà, io proprio non posso farcela a guardare questi cartoni 😃
Questo era scritto sul nostro contratto virtuale quando abbiamo deciso di diventare genitori:
Se fosse nato un maschio, il papà lo avrebbe seguito nella visione dei cartoni da maschi. Se fosse stata femmina, io nella visione delle Winx.
Ma quello che non c’era scritto, è che tutto il resto sarebbe stato molto faticoso.
E la fatica non è l’essere mamma, perché quello è un lavoro buono. Ma tutto il resto, compreso cercare di mantenere una propria dignità sociale e lavorativa dopo e durante la gravidanza.
No tesoro, oggi non ti racconto la storia di Paw Patrol, ma quella di una mamma e dei suoi sogni.

Ti racconto una storia

C’era una volta una bambina molto curiosa a cui piaceva studiare, leggere e scrivere ed imparare tante cose belle.
Era brava a scuola e avendo avuto la fortuna di nascere in una famiglia emancipata per quegli anni, i suoi genitori accettarono la sua richiesta di frequentare anche l’Università. Avrebbe voluto fare l’astronauta da grande. O forse era solo un sogno molto grande per provare a fare tante belle cose.
E infatti astronauta non diventò, ma sognando i pianeti e il mistero che sta dietro a tutti i grandi processi su questa Terra, riuscì a trovare un settore di specializzazione moderno e affascinante in cui trovò realizzazione.
Fino al giorno in cui arrivò anche il Principe Azzurro e con lui una bella cicogna, piena di gioia, amore e serenità.
Dopo qualche tempo questa bambina, che nel frattempo era diventata mamma, sentì l’esigenza di tornare ad essere quella persona curiosa, studiosa e interessata che era prima.
Sapeva di essere ancora di più, di poter dare di più, perché adesso avere un posto nella società non era solo per il proprio orgoglio personale, ma anche per fare qualcosa per qualcun’altro di piccolo e meraviglioso.
Sapeva di essere fortunata, perché nel suo caso, nel suo campo, era possibile lavorare anche da casa, fare quello che si chiama Telelavoro.
Molto usato in molti Paesi ad alta produttività, un po’ meno nel Paese in cui viveva questa mamma.
Lei non si arrese, la sua forza stava tutta nell’essere una mamma che vuole lavorare a tutti i costi e così intraprese l’iter per richiedere questa modalità lavorativa.
Studiò, si informò sulle leggi e i regolamenti del caso, scrisse un progetto che presentò alla sua amministrazione dopo l’approvazione del suo Responsabile diretto, un uomo, che accettò di buon grado.
Ma anche lui dovette a sua volta chiedere il permesso al suo Capo, una donna, che dopo varie richieste non risposte, facendo passare tempo prezioso, esordì con un bel NO.
Non conoscendo le motivazioni di questo no, alla mamma della nostra storia, non restò altro che continuare a viaggiare 200 km al giorno per recarsi a lavoro, lasciando il suo bambino nelle mani seppur amorevoli delle tate del nido, e riportando a casa un po’ di amarezza e tanta stanchezza.
La più grande burla in tutto questo è che proprio una donna non abbia permesso ad un’altra donna di fare bene e forse anche meglio il proprio lavoro, avendo la possibilità di conciliare i tempi del lavoro con quelli della famiglia.
Ma questo ce la dice lunga su quanto sia difficile che le cose cambino, quando sono le stesse donne, a volte, a remare contro.

Il finale della storia

Comunque, il lieto fine c’é.
E sapete dov è?
Il lieto fine sta nel fatto che questa mamma, pur con tanto sacrificio, non ha rinunciato a fare la cosa più bella che ci possa essere e la più importante:
provare a crescere un figlio per un domani più ricco e migliore,  non un gioco per sé ma un regalo per la società.
E quando la sua goccia nell’oceano riuscirà ad unirsi ad altre gocce, altre persone, altre donne, magari con ruoli di responsabilità, si potrà iniziare a vedere le cose da altre prospettive e tutti, non solo la mamma della storia, saranno più felici.
Io voglio crederci.
starmoms - mamma e lavoro
Questo post partecipa al tema del mese delle StorMoms: “Mamme e lavoro, la storia vera”  con gli hashtags: #workingmom e #StorMoms.
Se vuoi partecipare anche tu, scrivi un post su questo tema e seguici sulla pagina Facebook delle StorMoms.


Se l’articolo vi è piaciuto lasciate un like per rimanere sempre aggiornati.


icon_telegram E unitevi al canale Telegram, per sempre freschi consigli di lettura per bambini.


 

Post correlati

28 Risposte a “Mamme e lavoro, una storia. #workingmom #StorMoms.”

  1. Che storia triste ed insieme bellissima!
    Triste perché viviamo in una società che non si preoccupa dell'infanzia, bellissima perché parla di speranza.
    Spero che in futuro anche il nostro paese tuteli mamme lavoratrici e bambini…

    1. E' proprio il messaggio di speranza che volevo arrivasse.
      L'importante non è sempre raggiungere ciòche si vuole, ma smuovere le acque in modo che qualcuno dopo di noi possa non trovarsi nella stessa situazione.
      Tra l'altro questo è un tema molto importante credo non solo per le mamme, ma per tutte quelle persone che sono impossibilitate per qualche motivo a recarsi sui luoghi di lavoro, ma che sono abilissimi al lavoro. Pensiamo ad esempio ad una disabilità o in questa società sempre più vecchia, persone che devono accudire genitori anziani.
      Non per tutti i lavori è indicato, ma per quelli per cui è possibile sarebbe auspicabile raggiungere questo traguardo.
      Grazie Silvia per il tuo commento.
      A presto!

  2. Quando si parla di lavoro, è sempre utile trasmettere il messaggio delle donne che possono unirsi ad altre donne per migliorare la situazione, invece di farsi spesso la guerra come spesso succede. Io per prima sono stata lasciata a casa, alla 38esima settimana di gravidanza, dopo non aver perso neanche un giorno di lavoro nonostante le nausee e nonostante un contratto che MANCAVA (ma che sarebbe dovuto arrivare, stando alle loro promesse…) DA UNA DONNA. Che ai clienti disse, davanti a me: "La prossima volta prendo un uomo". E chissà, magari a quell'uomo il contratto glielo avrebbe fatto, se non fosse che una giustizia c'è al mondo, forse, e poi la società ha chiuso. Tutto questo per dire che si parla tanto di parità dei diritti, ma poi a volte sono le donne le prime a minare la serenità altrui. Comunque il telelavoro è una salvezza, è assurdo che non venga ancora capito: ci si comporta come se si avesse a che fare con lavative, invece spesso sono proprio le madri le prime ad essere motivate a lavorare al meglio, da casa, pur di far rientrare tutto nell'organizzazione della giornata. Per lo meno io, da quando sono madre, ottimizzo i tempi meglio di prima. Senza contare il risparmio per tutti…mah! Grazie per aver condiviso la tua esperienza, mi dispiace aver perso questo giro di StorMoms (sempre molto interessanti, gli spunti!)

  3. Una storia commovente, bellissima. Purtroppo più frequente di quello che si pensi.

    1. Purtroppo si. Spesso permessa proprio da chi dovrebbe invece contrastare questi episodi.
      Grazie di essere passata.

  4. Certo che lavorare gestendo un bambino deve essere un macello!!! Uno dei motivi per cui per adesso quando si parla di pargoli mi do alla macchia!

    1. Si, lavorare avendo una famiglia non è semplice.
      Ma ti sei mai chiesta perchè nei Paesi del Nord fanno tanti figli? 🙂
      Grazie del passaggio.

  5. Duecento kilometri non sono una sciocchezza ma hai lanciato un messaggio importante. Il lavoro e’ una parte importante di tutti noi, che sia full time, part time o saltuario.

    1. Grazie mille.
      200km sono tanti sopratutto quando se percorsi con i mezzi pubblici che conosciamo diventano circa 4 ore al giorno dedicato agli spostamenti.
      Grazie mille del tuo commento.
      A presto.

  6. Purtroppo in Italia i giovanni e le donne con figli non sono valorizzati. Mi spiego meglio: io sono giovane, mi sono laureata da poco e sto mandando cv a destra e a manca. Mi chiamano per fare colloqui e al posto di farmi un normale colloquio mi chiedono se sono fidanzata, se ho intenzione di sposarmi, se ho intenzione di fare figli. Nel tal caso, ovviamente non si premurerebbero neanche di assumermi. Hai sollevato una questione importantissima e sei stata coraggiosa. Nel mio piccolo, non mi arrendo e continuo a fare colloqui, facendo anche tanti km tra mezzi vari. Ho provato anche a fare i cosiddetti “lavori da casa”, ma non mi sono mai trovata bene. Sei poco seguita, spesso non si comprende neanche a fondo il lavoro da svolgere, e altri problemi.

    1. Purtroppo anche io in passato mi sono sentita fare domande come le tue, na pensavo che almeno questa cosa fosse terminata. Assurdo che ancora esista.
      Non ti arrendere mai, ma ti comprendo perchè è dura.
      Coraggio!
      Grazie di essere passata di qui.

  7. Che bella storia davvero. Sai io ho dovuto rinunciare ai miei sogni 18 anni fa e solo ora che ho anche la seconda figlia di 5 anni e il lavoro a casa, mi sono trasformata in una storyteller perché col blog ho trovato una via alternativa e la soddisfazione di dire alla fine nel mio piccolo ci sono riuscita anche io.

    1. Si capisco. Sei stata molto brava. Però come vedi tu ti sei re-inventata, hai trovato una via alternativa, ma non hai avuto la società dalla tua parte. Almeno, immagino…
      Buon preseguimento e grazie per il tuo contributo.

  8. Cara Federica forse questa è la prima volta che leggo qualcosa di veramente tuo. Grazie. Grazie perché mi hai commosso, emozionato e al tempo stesso fatto arrabbiare! Non tu direttamente, è ovvio ma tutte quelle (posso chiamarle donnette ?) che non sono mai solidali con le altre donne. E non c’entra l’essere mamma oppure no, c’entra l’essere donna. Prima di tutto.

    1. Grazie Simona.
      Hai ragione.
      Grazie della tua visita.
      A presto.

  9. Io ora come ora non posso ancora comprendere. Ma posso solo immaginare la difficoltà di lavorare e avere una famiglia

    1. L’essere mamma è una cosa bellissima.
      Ma mantenere la propria dignità di donna dopo la gravidanza, in questa società, è veramente difficile.
      Grazie di essere passata.

  10. Il telelavoro sarebbe un sogno per noi mamme,in Italia sembra un’utopia…magari però in un certo senso ci voglio credere,che il mio blog diventi un vero lavoro e non solo una passione…

    1. Io te lo auguro 🙂
      Sarebbe una bella conquista.
      A presto!

  11. Ancor tutto oggi in Italia le donne con una famiglia non sono tutelate come ho visto in diversi Paesi e questo mi spiace parecchio, fare la mamma e lavorare allo stesso tempo non è facile e purtroppo non ci si accorge delle diverse difficoltà.

  12. Bellissima questa iniziativa. Quasi quasi partecipo anche io. Ora vado a vedere. E bel racconto. Come sempre bravissima.

    1. Grazie Sofia 🙂
      L’iniziativa è un po’ datata. Non so se c’è ancora qualcosa sull’argomento.
      Alla prossima!

  13. Il tuo racconto è molto toccante, non è certo facile farsi 200 km al giorno per lavorare, ma purtroppo in questo paese non c’è una politica che aiuta le mamme e le famiglie. Ci vorrebbero regole più chiare sia per le mamme che per le aziende.

    1. La cosa che fa male è che le leggi ci sono. Ma non vengono applicate e sono contrastate spesso proprio dalle donne. Non so trovare la motivazione. Grazie di essere passata.

  14. Ne so qualcosa, il lavoro e l’essere mamma, è difficilissimo ma non bisogna mai rinunciare alla propria indipendenza!

    1. Quello mai. E lo scotto maggiore viene proprio dal volere a tutti i costi fermare il progresso e l’evoluzione della società.
      Speriamo che cambi qualcosa in futuro, ma ci credo poco. Purtroppo.
      Grazie mille di essere passata a trovarmi.

  15. Grazie per questa bellissima testimonianza: da donna che lavora e si confronta sesso con altre donne conosco la fatica quotidiana per riuscire a conciliare tutto e il dolore che si prova nel dover lasciare il proprio bambino per tante ore. Sei una donna e una mamma ricca di luce. Un abbraccio

    1. Grazie mille. Sei molto dolce 🙂 A presto!

Lascia un commento